martedì 4 giugno 2019

I matrimoni di tendenza? Quelli solidali

Si è cominciato, diversi anni fa, con le prime liste di nozze solidali, in cui gli invitati al matrimonio potevano donare in beneficienza il corrispettivo del regalo scelto a qualche ente o realtà dedicata a categorie svantaggiate.

Oggi questa felice tendenza si è consolidata, tanto da rientrare tra le proposte dei wedding planner di ultima tendenza: gli sposi, organizzando il loro giorno più bello, possono finanziare un progetto solidale, ricorrere a servizi “etici” di associazioni senza scopo di lucro o scegliere per il loro banchetto prodotti derivanti da filiere di produzione fattivamente opposte allo sfruttamento dell'uomo e dell'ambiente.

Basta poco, dunque: si può optare per bomboniere e partecipazioni realizzate da disabili o persone svantaggiate, organizzare la luna di miele scegliendo itinerari o località rientranti nel turismo consapevole (www.lunadimielesolidale.it), contemplare una quota per progetti nel Terzo Mondo tra i costi per video e foto della cerimonia; persino l'abito della sposa può essere acquistato di seconda mano, essere realizzato da donne svantaggiate o profughe (es. marchio Indossostorie) o fatto con tessuti naturali come il lino grezzo.

Anche la location non è più necessariamente il ristorante che propone il classico banchetto sfarzoso e luculliano: c’è chi opta per un contesto informale, come ad esempio una sala parrocchiale o una casa montana, ricorrendo a una cooperativa di catering e banqueting che assuma persone diversamente abili per la realizzazione e il servizio dei pasti.

Tra i futuri sposi sta emergendo sempre più la tendenza a far spazio alla sobrietà, alla solidarietà, alla condivisione. In Italia, soprattutto al Nord e in alcune regioni come la Toscana, si è diffuso ormai il trend contrario al lusso e agli eventi organizzati in pompa magna.

Sul web si trovano, senza fatica, piattaforme che intercettano e mettono in rete diversi operatori dell'ambito solidale. I responsabili  di 'matrimonisolidali.org', per dirne uno, offrono una gamma di proposte sostenibili che uniscono la qualità a tante positive ricadute sociali, ambientali e culturali.

Non si contano le associazioni e aziende che collaborano per dare agli sposi la possibilità di fare del bene su più fronti. Tra queste l'Associazione Libera, che, con il logo "Sposa la legalità", presenta progetti di elevata sostenibilità proprio per le nozze.

Oggi dunque è possibile, anzi facile far sì che il proprio matrimonio diventi un dono, sia per sé stessi che per gli altri, specie se meno fortunati.

Nessun commento:

Posta un commento